“Io amo questi Vicoli” di G.M.

Io amo questi vicoli,
capaci di incrociarsi da una vita senza mai legarsi.
Io amo questi vicoli capaci di non vedere mai il mare ma di sentirsi le navi camminare addosso.
Io amo questi vicoli capaci di farci tutti figli senza mai farci diventare  fratelli.
Io amo questi vicoli capaci di farci andare via e di seguirci in ogni dove del mondo.
Io amo questi vicoli capaci di essere illuminati di notte  da mille fari a senso unico e di scrollarsi il sole di dosso di giorno.
Io amo questi vicoli capaci di nascondersi dietro ogni finestra e di uscire insieme a stendere i panni per parlarsi in faccia.
Io amo questi vicoli capaci di gesticolare e di farsi capire e di fare ogni giorno a gara a chi scende per primo a Toledo.
Io amo questi vicoli capaci di riderti in faccia, di darti una mano per la gloria e di non piangersi mai addosso.

Io amo questi vicoli capaci di sedersi nel mio cuore, quando mi sento triste e tengo genio di parlare con qualcuno prima di salire le scale.

Gi.Maienza